Salta al contenuto

Stabilizzazione del contrafforte - Parte II

Questa è la seconda parte di una serie di quattro puntate sulle attrezzature e le tecniche di stabilizzazione del contrafforte. Nell'ultima puntata abbiamo discusso i criteri di selezione dell'attrezzatura e definito la tecnica di stabilizzazione a 3 punti per la stabilizzazione del contrafforte di un veicolo passeggeri a riposo laterale. In questa puntata parliamo dei raccordi di estremità del contrafforte, dei dispositivi di ritenuta della base e dei vari accessori che contribuiscono al processo di stabilizzazione.

Accessori per la stabilizzazione del contrafforte

Selezione del raccordo terminale

Le punte dei puntelli devono agganciarsi al veicolo in modo da non scivolare o sorprendere in altro modo la squadra di soccorso. Un sistema con teste intercambiabili offre la flessibilità necessaria per affrontare diverse strutture. Per esempio, per effettuare un acquisto alla base di un palo del tetto, il raccordo terminale deve cullare il palo. Per agganciare un angolo esterno, può essere appropriato un raccordo angolare. Per un angolo interno, si può preferire un raccordo a punta.

Considerazioni sulla costruzione della base e sui vincoli

I punti di contatto della punta devono essere scelti con cura per evitare di dover spostare il puntello durante l'operazione. Cercare aree strutturalmente solide. Sul lato dell'abitacolo è possibile ottenere un punto di contatto alla base dei montanti del tetto "A" e del tetto posteriore. In alternativa, l'angolo del cofano o del bagagliaio vicino all'abitacolo può essere scrostato per ottenere un punto di acquisto. In alcune situazioni può essere necessario tagliare un pannello per ottenere un punto d'acquisto adeguato come ultima risorsa. Tasche come i vani per il rifornimento di gas o le aperture per l'illuminazione esterna nei parafanghi possono fornire punti di presa adeguati. Il lato del sottoscocca del veicolo offre in genere molte opzioni, come il labbro arrotolato che si trova sulla maggior parte dei veicoli sotto il pannello "rocker" o una curva nel pianale.

Considerazioni sulla costruzione della base e sui vincoli

È assolutamente necessario che la base del puntello sia bloccata per evitare che si muova. La base del puntello deve essere impedita per evitare che scivoli via dal veicolo. Questo si può ottenere in vari modi. Le basi possono essere fissate alla superficie su cui poggiano o, meglio ancora, legate al veicolo tramite reggette o catene di adeguata resistenza, oppure entrambe legate e fissate alla superficie. Le basi devono essere fissate al veicolo il più vicino possibile al livello del suolo.

Considerazioni sulla costruzione della base e sui vincoliUtilizzare almeno due cinghie per ogni base, a meno che ciò non sia poco pratico. L'uso di due cinghie consente di collegare la cinghia al veicolo indipendentemente dal punto di contatto con il puntale. In genere, quando si utilizza una sola cinghia a cricchetto, ad esempio, è necessario assicurarsi che il collegamento della cinghia con il veicolo avvenga direttamente sotto l'acquisto del puntale. In caso contrario, stringendo la cinghia si rischia di tirare la base lateralmente e di far cadere il cavalletto. Con due cinghie, il processo è meno limitato. In questo caso, il posizionamento della punta ha un impatto minore sul collegamento della cinghia. Idealmente, le due cinghie dovrebbero formare un angolo tra la base e il veicolo, non necessariamente con la stessa angolazione. Scegliere un angolo tra le due cinghie compreso tra 45 e 90 gradi. Maggiore è l'angolo tra le cinghie, maggiore è il carico sulla cinghia. Questa configurazione di cinghie limita i movimenti della base sia verso l'esterno che lateralmente. Si noti che in alcuni casi l'acquisto della cinghia migliore o unica è quella dritta verso il veicolo. In questo caso, è necessario collegare entrambe le cinghie.

La base qui raffigurata è dotata di due cinghie con fibbia a camme precollegate. Questo tipo di cinghia consente una regolazione rapida. Per regolare queste cinghie, è sufficiente tirare l'allentamento a mano. La fibbia a camme non permette alla cinghia di rientrare senza spingere la leva a camme. Questo tipo di cinghia richiede l'uso di un sistema con un meccanismo di serraggio o di regolazione fine, come il martinetto laterale del sistema Res-Q-JackTM , poiché una cinghia con fibbia a camme può essere stretta solo a mano. Il martinetto effettua il serraggio finale della cinghia in tutti i cavalletti, supponendo che il cavalletto con il martinetto si trovi di fronte e tra i due cavalletti senza martinetto. In questo modo si evita la necessità di utilizzare una cinghia a cricchetto che, per alcuni, può essere una battaglia o comunque richiedere molto tempo. Se, tuttavia, il sistema è configurato in assenza di un meccanismo di serraggio come il martinetto, o se è configurato in modo tale che il martinetto non serri adeguatamente le cinghie del cavalletto, si può applicare una cinghia a cricchetto al centro della base e le cinghie con fibbia a camme possono servire semplicemente come vincoli ridondanti o come ulteriore sicurezza. Qualunque sia il sistema che sceglierete di utilizzare, assicuratevi che offra il tipo di flessibilità qui illustrato per far fronte a qualsiasi situazione.

In un'altra sezione di questo articolo sono riportati alcuni grafici che indicano le forze di tensione approssimative sperimentate dalla reggetta di base per vari carichi di colonna, angoli di colonna e configurazioni di reggetta. Vedrete un grafico per le basi a cinghia singola, doppia e tripla. Le formule utilizzate presuppongono che il terreno sia privo di attrito, il che significa semplicemente che le reggette saranno responsabili della gestione di tutta la forza necessaria per evitare che la base scivoli o si disfi. Questo è un buon presupposto per chi ha a che fare con il ghiaccio. Per identificare i parametri e le designazioni dei carichi si utilizza un diagramma della base Res-Q-Jack.

Accessori per reggette Accessori per reggetteAccessori per reggette

Molte cinghie utilizzano ganci a "S" come mezzo di fissaggio al veicolo. Questi dovrebbero funzionare bene. A volte può essere difficile trovare un punto adatto sul veicolo per collegare la cinghia. I ganci della cinghia potrebbero non entrare in alcune fessure del telaio, che altrimenti sarebbero un'ottima posizione di acquisto. Inoltre, un oggetto potrebbe essere troppo grande per essere afferrato con il gancio della cinghia, come ad esempio un palo del tetto. Avvolgendo la cinghia attorno ai pali del tetto, si può esporre la fettuccia della cinghia a vetri o metalli taglienti, il che è indesiderabile. I ganci a T e i ganci a J aggirano questi problemi e accelerano ulteriormente il processo di stabilizzazione. I ganci a T diventano un'interfaccia tra molte fessure del telaio e il gancio della cinghia. I ganci a J sono semplicemente ganci di grandi dimensioni che afferrano facilmente un palo del tetto, un elemento del telaio o simili.

Considerazioni sulla superficie del terreno

Anche il tipo e le condizioni della superficie su cui poggia il veicolo sono un fattore importante per la stabilizzazione. Se la superficie è inclinata, un puntello a 3 punti potrebbe non essere sufficiente. A seconda della situazione, potrebbe essere necessario incorporare ulteriori mezzi per assicurare il veicolo dallo scivolamento. Alcuni sistemi di puntelli possono essere compromessi da un terreno morbido. Potrebbe essere necessario utilizzare ampi cuscinetti rigidi sotto la base del puntello per evitare un carico puntiforme. Potrebbe essere necessario un mezzo di stabilizzazione completamente diverso.

Operazione senza fine

Operazione senza fine

La stabilizzazione continua per tutta la durata dell'intervento. In occasione di una lezione della Firehouse Expo, Ron Moore ha detto bene: "La stabilizzazione è un compito che non finisce mai durante un'operazione MVA". Le caratteristiche del veicolo incidentato cambiano durante l'estricazione. Il peso dell'auto cambia e il suo centro di gravità si sposta con l'aggiunta di soccorritori e attrezzature o con la rimozione di componenti del veicolo. L'integrità strutturale già compromessa del veicolo viene alterata con la rimozione delle porte, il taglio di un montante del tetto o la rottura di un vetro. Il tetto e i montanti di un veicolo sono di fatto una capriata. La loro rimozione riduce significativamente la rigidità del veicolo. Durante un incidente di salvataggio di un veicolo, i componenti di stabilizzazione devono essere monitorati. Potrebbe essere necessario regolare i dispositivi di ritenuta della base, modificare i punti di fissaggio e aggiungere altri materiali di stabilizzazione. Chi opera con gli strumenti da taglio deve essere consapevole dell'effetto che avrà sulla stabilizzazione e deve fare attenzione a non rimuovere un membro agganciato da un puntello o da una cinghia di base. Un membro della squadra deve essere incaricato di monitorare i componenti della stabilizzazione e di informare gli altri dei potenziali problemi.

Linee guida di base

Ecco alcune linee guida di base per stabilizzare l'auto a riposo laterale su un terreno pianeggiante:

  1. Stabilizzare e/o posizionare manualmente i cunei per controllare il veicolo durante l'allestimento del sistema di contrafforti.
  2. In base alla situazione, alla posizione del paziente, al tipo e alle condizioni del veicolo e ad eventuali ostacoli, stabilire da quale lato del veicolo posizionare il cavalletto singolo e da quale lato posizionare i due cavalletti regolabili se si utilizza una configurazione a 3 punti.
  3. Lavorare in una squadra di due persone. Un membro della squadra deve controllare che non ci siano problemi a portata di mano del membro che regola e sistema gli stativi.
  4. Posizionare i cavalletti prima sul lato meno stabile del veicolo, quindi lavorare sul lato opposto.
  5. Inserire il veicolo con le punte il più in alto possibile. Fissare le cinghie della base il più in basso possibile. I cavalletti devono avere un angolo di inclinazione compreso tra 50 e 70 gradi.
  6. Una volta posizionati tutti i supporti, serrare il sistema. Controllare che le cinghie e gli innesti dei puntali siano ben saldi. Regolare se necessario.
  7. Monitorare le attrezzature durante il funzionamento e apportare le regolazioni necessarie.

Ogni situazione di MVA è diversa. Ancora una volta, come ha detto Ron Moore, "l'efficacia della stabilizzazione dipende dall'esperienza del team con gli strumenti, dal suo ingegno, dalle sue conoscenze meccaniche, dalla natura dell'incidente e dalla capacità del team di leggere il relitto". Nel prossimo segmento esamineremo i carichi di compressione dei puntelli e le forze di tensione delle cinghie.

Se si desiderano ulteriori informazioni sulle attrezzature utilizzate in questo articolo, è possibile accedere al seguente sito web: www.cepcotool.com o scrivere a: Cepco Tool Company, Post Office Box 700, Spencer, NY 14883. © 2001, Cepco Tool Company.

Programmate oggi stesso la vostra dimostrazione gratuita!

State pensando di acquistare uno dei nostri puntoni di stabilizzazione e sollevamento per veicoli, facili da usare? Volete una dimostrazione prima di impegnarvi nell'acquisto?

Effettuare il login per visualizzare questo documento

Non avete un account? Fare clic per iscriversi

Avete dimenticato la password?
it_ITItalian
Scorri in cima